Stefano Vignaroli e Caterina Saracino alla Biblioteca Diocesana venerdì 13 maggio

Venerdì 13 Maggio alle ore 18 presso la Biblioteca Diocesana “Petrucci” di Jesi (Piazza Federico II n°8) si terrà un incontro con due autori marchigiani che presenteranno i loro romanzi di recente pubblicazione: Stefano Vignaroli presenterà “L’ombra del campanile” mentre Caterina Saracino “L’anima espansa”. 

Introdurrà gli autori e modererà l’incontro lo scrittore e critico letterario Lorenzo Spurio (Presidente della neonata Associazione Culturale “Euterpe” che co-organizza l’evento) ed interverrà Luigi Ramini (scrittore).

13094328_10205178501537230_923321417322696384_n (1)

“L’OMBRA DEL CAMPANILE” DI STEFANO VIGNAROLI:

In una Jesi rinascimentale, ricca di arte e cultura, in cui stanno sorgendo nuovi e sontuosi palazzi sui resti dell’antica città romana, vive la giovane Lucia Baldeschi, nipote di un malvagio Cardinale, tessitore di oscure trame finalizzate ad accentrare sia il potere temporale che quello ecclesiastico nelle proprie mani. Lucia, ragazza dotata di spiccata intelligenza, diventa amica di un tipografo, Bernardino, insieme al quale condividerà la passione per la rinascita delle arti, delle scienze e della cultura, che stanno caratterizzando il periodo in tutta Italia. Si troverà stretta tra il dovere di obbedire a suo zio, che l’ha fatta crescere ed educare a palazzo in assenza dei genitori, e l’amore appassionato per Andrea Franciolini, figlio del Capitano del Popolo e vittima designata della tirannia del Cardinale.

 

“L’ANIMA ESPANSA” DI CATERINA SARACINO:

Fin dalla nascita, Ayaka e gli altri Allievi vivono una vita perfetta in un Istituto situato su un’isola e diretto dai Reberlik, un gruppo di educatori e medici. Gli allievi sono trattati con rispetto, tanto che ai Reberlik è vietato anche solo toccarli, ma devono seguire regole precise e le loro giornate sono programmate ora per ora. Ayaka non conosce il motivo della loro educazione. I Reberlik parlano di un grandioso esperimento educativo, ma ci sono troppe stranezze. Per esempio: perché gli inservienti sono sordomuti? E perché gli allievi sono sottoposti a controlli medici di cui non ricordano nulla? Un grande romanzo distopico e visionario da una grande autrice chiaravallese.

 

Info:

ass.culturale.euterpe@gmail.com – biblioteca@jesi.chiesacattolica.it

Evento Facebook

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...